Da non perdere!!!
VITA DA DONNE » Diete e alimentazione » Cose da sapere sul formaggio, per conservarlo e mangiarlo correttamente

Cose da sapere sul formaggio, per conservarlo e mangiarlo correttamente

Per chi è ghiotto di questa pietanza e crede di sapere tutto, ecco alcuni suggerimenti sul come conservarlo in maniera corretta e non fare errori madornali

tagliere di formaggi

-----


Che sia di latte vaccino, caprino, o di pecora, chi ama il formaggio lo prende così com’è. Non serve solo essere ferrati negli abbinamenti culinari, perché questa proteina deve essere conservata al meglio per apprezzare tutte le sue qualità. Ecco di seguito alcuni suggerimenti per evitare errori madornali.

Il primo è quello di smettere di avvolgere il formaggio in carta stagnola o pellicola. Sì, al supermercato è nel suo involucro, ma una volta aperto bisogna avvolgerlo nella carta oleata, quella che si trova dal salumiere per intenderci. Il formaggio ha vita propria, ha bisogno di respirare, quindi avvolgerlo nella plastica significa soffocarlo. La pellicola poi fa proliferare i batteri, accelerandone il deperimento e conferendogli quel retrogusto plastificato o metallico.


Non bisogna buttare via il formaggio se è presente la muffa nella crosta: la muffa bianca o blu basta grattarla via, mentre è pericolosa nei formaggi a base di siero di latte, come per esempio la ricotta. In questo caso, buttare subito il tutto.

Non è affatto vero che le persone intolleranti al lattosio non devono mangiare formaggio. I formaggi freschi contengono siero di latte che contiene acido lattico, quindi meno umido è il formaggio, meno acido lattico sarà presente.

Grosso errore servire il formaggio freddo di frigo: è una proteina da servire a temperatura ambiente, per permettergli di raggiungere sapore e consistenza ottimali. E’ male anche conservare i formaggi sempre e comunque in frigorifero: il parmigiano, per fare un esempio, resiste anche per settimane anche al di fuori del frigo. Se non c’è spazio in casa, allora meglio riporli nel cassetto delle verdure. Insomma, vale il discorso di prima: gli stagionati possono resistere pure al di fuori, mentre i freschi tassativamente nel frigorifero.

Per ultimo: sforzarsi di provare formaggi diversi di una stessa famiglia, in quanto hanno caratteristiche simili, non uguali tra di loro. SE uno puzza o ha gusto pungente, un altro può esser più delicato. Si scopre solo assaggiando.

GD Star Rating
loading...
blog facebook



Rimani aggiornata


Ti è piaciuto l'articolo?
Rimani aggiornata su Vita Da Donne!!


Ricevi le novità di articoli nella tua casella email. (Niente spam, la tua email è al sicuro --> Eventualmente puoi cancellarti con un click.)





Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll To Top
Leggi articolo precedente:
Come far gattonare un bambino

  Consigli da mettere in pratica per vedere il proprio bambino gattonare per tutta la casa! Insegnare al proprio bambino...

Chiudi