Da non perdere!!!
VITA DA DONNE » Vita da mamme » Come ridurre la ritenzione idrica in gravidanza

Come ridurre la ritenzione idrica in gravidanza

 

Piccoli consigli per ridurre al minimo il gonfiore causato dalla ritenzione idrica in gravidanza

donna incinta ritenzione idrica

-----


La gravidanza per una donna è sinonimo di cambiamento ed evoluzione sul piano emotivo e fisico. Sono molte le donne che si preparano psicologicamente solo alla crescita della pancia, sottovalutando il problema principale, che porta al gonfiore dell’intero organismo, principalmente delle caviglie e dei piedi, e che prende il nome di edema, anche se è più conosciuto con il termine di ritenzione idrica. Qui di seguito, saranno riportati alcuni consigli su come riuscire a frenare o limitare questo disturbo. Prima di elencare le alluse raccomandazioni, è opportuno esplicare il significato del termine edema o ritenzione idrica; con lo stesso s’ intende un anormale accumulo di liquidi all’interno dei tessuti.

Ritornando all’oggetto dell’articolo, per evitare che le vostre gambe assomiglino alle zampe di un elefante, basterà mettere in pratica questi semplici consigli:

  • sdraiati e con l’aiuto di una fila di cuscini tieni i piedi in alto
  • non stare in piedi per periodi troppo lunghi
  • evita di indossare scarpe con i tacchi
  • evita di consumare alimenti “spazzatura” perchè ricchi di sodio che favorisce l’accumulo di liquidi
  • controllare le etichette dei cibi confezionati perchè anche quelli apparentemente salutare come zuppe e minestre possono avete un’alta concentrazione di sodio
  • chiedi al medico se può prescriverti integratori di calcio, potassio o vitamina B6 ritenuti efficaci nel combattere il ristagno di liquidi
  • fai più yoga oppure più passeggiate in modo da favorire la circolazione sanguigna
  • mangia più alimenti dalle proprietà diuretiche quali: sedano, cipolla, prezzemolo, aglio, melanzane, menta piperita
  • evitare le zone troppo calde, giacchè il calore può aumentare la ritenzione idrica
-----
-----

In conclusione si vuole ricordare al lettore che prima di decidere di mettere in pratica uno dei suddetti consigli è sempre bene parlarne prima con il proprio ginecologo, perchè gli stessi hanno solo valenza informativa e non elusiva del parere medico.

GD Star Rating
loading...
blog facebook



Rimani aggiornata


Ti è piaciuto l'articolo?
Rimani aggiornata su Vita Da Donne!!


Ricevi le novità di articoli nella tua casella email. (Niente spam, la tua email è al sicuro --> Eventualmente puoi cancellarti con un click.)





Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*


*

Scroll To Top
Leggi articolo precedente:
Idee per una colazione nutriente ma leggera

Ecco cosa mangiare a colazione per mantenere la linea e non arrivare affamati a pranzo o al rientro a casa....

Chiudi