Da non perdere!!!
VITA DA DONNE » Vita da mamme » Domande e risposte sul parto: tutto quello che c’è da sapere quando si deve far nascere un figlio

Domande e risposte sul parto: tutto quello che c’è da sapere quando si deve far nascere un figlio

Le risposte a tutte le domande che riguardano il parto, anche le più imbarazzanti

domande gravidanza parto

-----


Il parto è una meravigliosa esperienza che ogni donna vive in modo diverso…ma il punto è che ci sono talmente tante versioni della storia da non sapere più quale sia veritiera. Risultato: tanti dubbi e poca voglia di esprimerli, per timore di essere giudicate male. Ecco una mini guida al parto, con tutti i quesiti del caso (anche i più intimi e imbarazzanti!)

Cosa bisogna portare in ospedale?

Preparare per tempo la borsa è una buona cosa, perché non si sa mai con certezza quando sarà il momento ed è bene non farsi cogliere impreparate.

I vestitini del piccolo, dei cambi per la mamma, le ciabatte per la camera, la pochette per l’igiene con spazzolino, dentifricio, sapone neutro, pettine e/o spazzola, le coppette assorbilatte, assorbenti rigorosamente esterni. Si consiglia di portare anche un bel po’ di riviste passatempo. Portare la cartellina della gravidanza, cioè una normale cartellina da ufficio con dentro analisi, esami, ecografie, nonché la carta di identità e la tessera sanitaria, in quanto si deve consegnare al momento del ricovero.

Bagno o doccia prima di andare in ospedale?

E’ meglio farsi una doccia, per una questione di igiene e perché l’acqua calda aiuta a rilassarsi. Il bagno meglio di no: si rischia di rilassarsi troppo e di partorire! Ma anche se non si ha tempo, i dottori sono abituati a ben altro, non c’è da preoccuparsi!

Si può mangiare?

Dipende dai casi, perché se si ha bisogno di un cesareo e quindi dell’anestesia non è consigliato. Se è permesso, meglio optare per yogurt o frutta.

Depilarsi: sì o no?

Certo, ma bisogna rispettar scrupolosamente l’igiene. Come sopra, i dottori sono abituati a vedere peluria in ogni parte del corpo, non si scandalizzano!

Mi hanno detto di fare un clistere: perché?

Il clistere lo si fa per liberare l’intestino, in quanto capita spesso che nel mezzo del travaglio..scappi qualcosa. E’ normale, ma non prendere iniziative: sarà l’ostetrica a valutare la situazione, anche perché se si è già andate di corpo non dovrebbe succedere, e lo si fa di solito in caso che la partoriente sia stitica da molti giorni. Prendere coraggio e dire la sincera verità ai medici eviterà di …. fare regalini.

Mio marito può entrare in sala parto?

Dipende dall’ospedale, ma di solito si può assistere al parto.

Si deve andare subito in sala parto? Come funziona?

Il personale provvederà a registrare la donna e i suoi parametri vitali, come pressione e la temperatura, oltre a consultare tutti gli esami a cui si è sottoposta e constatare se si sono rotte le acque o meno. Il ginecologo la visiterà per vedere quanto è dilatata, la posizione del feto, la rigidità e la morbidezza. Poi, la partoriente verrà fatta cambiare, verrà monitorata per vedere le contrazioni uterine e attenderà in sala travaglio. Se si è al primo parto, la dilatazione deve essere 10 cm, mentre per chi ha già partorito si procede anche prima. Dipende come risponde la mamma e il bimbo e se è il caso di praticare l’episiotomia, cioè l’incisione del perineo (tra la vagina e l’ano), per fare uscire facilmente la testa del bambino.

Sento le contrazioni: spingo?

Attenersi alle direttive del medico o dell’ostetrica!! Il dolore è tanto, la voglia di spingere è forte, ma per il bene del bimbo, trattenetevi! E’ a questo he serve il corso preparto. Per essere sicure, comunque, telefonare al proprio medico e comunicategli la vostra decisione all’epidurale: molte strutture la praticano solo se la partoriente l’ha comunicato per tempo!!

E se voglio il cesareo programmato?

In teoria, bisognerebbe discutere prima de tipo di parto che si vorrebbe, e in pratica non si può ottenere un cesareo a comando, almeno non più. Nonostante sia per il medico che per la futura mamma sia la soluzione più facile, perché si fissa la data in agenda e via, in realtà è un intervento chirurgico a tutti gli effetti, con tutti gli effetti collaterali del caso. I medici tendono a voler praticare il cesareo quando il feto è in posizione podalica (non si è girato e ci sono i piedi al posto della testa), quando la placenta copre parzialmente o interamente il passaggio del feto nel canale del parto (si chiama placenta previa) o quando la madre ha il diabete o altri problemi di salute, se il peso del feto supera i 4 chili e mezzo, se c’è il pericolo di trasmissione al bambino di malattie infettive. Ovviamene il dottore valuterà caso per caso, ma bisogna parlarne per tempo!

E’ vero che il parto può provocare l’orgasmo?

Sì, è un piacevole effetto collaterale! Ma non tutte lo provano, anche perché in quel momento si è concentrate a spingere o si è sotto epidurale. Il parto di questo tipo viene chiamato parto orgasmico.

Ho partorito! E ora?

Si dovrà attendere l’espulsione della placenta, dopodiché la donna verrà disinfettata, nel caso, suturata e resterà due ore nella sala adiacente a quella per il parto Dopo che il pediatra avrà terminato la sua visita, il bambino verrà portato e si potrà allattare al seno. Dopo le due ore fatidiche, mamma e bimbo (o solo la mamma) si recheranno in camera.

Quando arriva la montata lattea?

E’ la preoccupazione più grossa dopo il parto! Prima si avrà il colostro, che è un fluido utile per nutrire il bimbo. Il vero latte si produrrà entro 2-3 giorni. Se tarda, il pediatra potrà decidere se dare o meno un altro latte. Molti ospedali offrono incontri con le neomamme per insegnare la posizione corretta per allattare, oltre a come cambiare il pannolino e fronteggiare i piccoli problemi dei primi giorni.

Morale della favola: infermieri, ostetriche e dottori sono a disposizione per chiarire i dubbi di tutte le donne: niente imbarazzo!

GD Star Rating
loading...
Domande e risposte sul parto: tutto quello che c'è da sapere quando si deve far nascere un figlio, 9.1 out of 10 based on 8 ratings
blog facebook



Rimani aggiornata


Ti è piaciuto l'articolo?
Rimani aggiornata su Vita Da Donne!!


Ricevi le novità di articoli nella tua casella email. (Niente spam, la tua email è al sicuro --> Eventualmente puoi cancellarti con un click.)





Un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

*

Scroll To Top
Leggi articolo precedente:
mascara colorato
Il mascara colorato nuova tendenza autunnale

E' tornato di moda il mascara colorato, come negli anni 90. Vediamo quali sono i colori più di tendenza per...

Chiudi